L’unione Falla Forse a Roma

Dopo l’anteprima internazionale a Grenoble e la proiezione al Lovers Film Festival di Torino, dove ha vinto il Premio assegnato dal Quotidiano La Stampa, arriva a Roma il documentario contro l’omofobia negazione dei diritti a confronto con la vita di tutti i giorni di due famiglie omosessuali e omogenitoriali, costruite sull’amore dei coniugi fra loro e per i figli.

Vi aspettiamo Giovedi 20 giugno alle ore 21 presso il Cinema Farnese (Campo de Fiori, 54) si terrà una proiezione speciale per il pubblico de L’Unione Falla Forse di Fabio Leli. A seguire Q&A con il regista, famiglie arcobaleno e il giornalista Simone Alliva del settimanale L’Espresso e Dario Accolla del sito gaypost.it

Saranno presenti realtà e associazioni del territorio impegnate nella difesa dei diritti umani e lgbt+.

L’Unione Falla Forse è un documentario che intreccia la vita delle famiglie omogenitoriali alle bizzarre teorie degli esponenti anti-LGBT, in un unico racconto. Due mondi assolutamente distanti e distinti che avevano bisogno di essere messi a confronto in maniera diretta, a causa della crescita esponenziale dei movimenti ProLife di stampo cattolico estremista e della loro ascesa politica, grazie all´exploit dei partiti di destra che li hanno accolti nelle loro fila (il ministro della Famiglia Fontana e il senatore Pillon, entrambi componenti del Family Day, ne sono un chiaro esempio). Ma anche a causa del crescente bisogno di riconoscimenti giuridici che le famiglie omogenitoriali chiedono a gran voce, a cui a volte solo la magistratura concede l’approvazione, dovuta alle lacune della legge sulle unioni civili del 2016 causate dal taglio della Stepchild Adoption e dell’obbligo di fedeltà tra i partner.

Ciò che ne viene fuori è un mix dissacrante tra la normalità silenziosa di queste famiglie e la sbraitata follia dei loro contestatori.

Come Partecipare

la proiezione: 8€ | riduzioni con bibliocard e abbonamento metrobus: 6€

Annunci

A Qualcuno Piace Corto #1 | 6 marzo 2019 @ Dams Roma Tre

A qualcuno piace corto è un format culturale che si impegna nella ricerca, la diffusione e la promozione dei migliori cortometraggi a tema lgbt+ provenienti dal nostro paese e da tutto il mondo. Con questo contenitore si vuole promuovere il cinema indipendente e soprattutto gli autori emergenti.

Anche attraverso questo appuntamento il Roma Zeta Festival si impegna a trasmettere la lotta contro ogni tipo di discriminazioni e ricordare che le differenze sono un valore.

Questo è solo uno dei tanti appuntamenti de a qualcuno piace corto: la prossima data, infatti, si terrà nel mese di maggio.

L’appuntamento è per il 6 marzo 2019 presso il Dams, via ostiense 139, nell’aula A3 bis alle ore 15

Il programma

Lui e l’altro | Regia di Max Nardari con Ivan Bacchi, Alessandro Borghi, Giorgia Wurth e Mauro Bonaffini

Trama

Pietro, un ragazzo maschilista ed egoista si ritrova da un giorno all’altro messo alla porta da Laura, la sua fidanzata, stufa di essere messa in secondo piano rispetto al calcio e agli amici. Dopo una estenuante ricerca di una stanza in affitto, fatta di incontri deludenti, Pietro va a convivere con Omero, ragazzo simpatico e affabile di cui Pietro non sospetta minimamente l’omosessualità.

Durata: 24 min   Intervengono: Max Nardari (regista)

Ad occhi chiusi | di Lisa Riccardi con Aurora Ruffino e Liliana Fiorelli

Trama

Sara ha diciotto anni, gli occhi neri e un pallone da basket tra le mani. Ginevra di anni ne ha sedici anni, occhi chiari e sogni da realizzare. Nella periferia di Roma in un’estate caldissima, Sara e Ginevra si incontrano un po’ per caso, ma poi si mischiano e si baciano come se si conoscessero da sempre.

Durata: 15 min  Intervengono: Lisa Riccardi (regista)

Il condannato a morte | di Matteo Giampetruzzi con Diego Florio e Paolo Sideri


Trama

Un giovane scrittore, che vive nel contesto di un imprecisato regime dittatoriale, viene arrestato e condannato all’ergastolo per la natura dissidente delle sue opere.

Tutte le nomination lgbt+ dei Premi David

Oggi sono state annunciate le nomination dei Premi David, la storica statuetta assegnata dall’Accademia del Cinema Italiano presieduta da Piera Detassis. Anche nel nostro paese si sta recependo il messaggio di inclusione che le comunità LGBT+ di tutto il mondo stanno promuovendo anche attraverso la cinepresa e di questo ne siamo molto orgogliosi. La cerimonia si terrà il 27 marzo 2019 su Rai Uno con la conduzione di Carlo Conti.

Ecco la lista dei film tematica lgbt+ presenti in questa 64esima edizione dei David:

Chiamami Col Tuo Nome (Guadagnino): 12 nomination
Euforia (Golino): 7 nomination
Bohemian Rhapsody (Singer): 1 nomination

“Boy Erased” di Joel Edgerton in anteprima a Roma

Lunedì 4 marzo 2019 alle ore 21.00 presso il Cinema Caravaggio ( Via Paisiello, 24) si terrà l’anteprima del film Boy Erased di Joel Edgerton: la proiezione di un lungometraggio forte e originale, presentato alla tredicesima edizione della Festa del Cinema di Roma. Un’incredibile storia (vera) narrata con sincerità e adesione empatica una serie di psicologie molto accurate.

L’ingresso è gratuito fino a esaurimento posti disponibili. Per consentire a tutti e a tutte di partecipare è consigliabile la prenotazione a romazetafest@gmail.com. L’accesso sarà consentito a partire dalle ore 20:00.

Boy Erased – Vite cancellate racconta la vera storia della crescita, della presa di coscienza e della dichiarazione della propria omosessualità di Jared Eamons, figlio di un pastore battista di una piccola città dell’America rurale, che all’età di 19 anni ha deciso di aprirsi con i suoi genitori, riguardo alle proprie preferenze sessuali. Temendo di perdere la famiglia, gli amici e la chiesa cui appartiene, Jared viene spinto a partecipare ad un programma di terapia di conversione. Mentre è lì, Jared entra in conflitto con il suo terapeuta e inizia per lui il viaggio alla ricerca della propria voce e per accettare il suo vero io.

La pellicola è prodotta da Anonymous Content, Blue-Tongue Films, Focus Features, Perfect World Pictures e distribuito, in Italia, da Universal Pictures. La durata è di 144 minuti.

“Mamma + Mamma” di Karol di Tommaso in anteprima

Martedì 12 febbraio alle ore 21.30 presso il Nuovo Cinema Aquila (Via l’Aquila, 68) si terrà l’anteprima per il pubblico del film Mamma + Mamma di Karol di Tommaso: la proiezione di un lungometraggio forte e originale, presentato alla scorsa edizione di Alice Nella Città (sezione parallela e autonoma della Festa del Cinema di Roma). La pellicola sarà introdotta dalla regista Karol di Tommaso insieme al cast Linda Caridi, Maria Roveran, Andrea Tagliaferri e Silvia Gallerano.

Prodotto da Bibi Film di Angelo e Matilde Barbagallo e RaiCinema, Mamma + Mamma è la storia di un desiderio di maternità che si fa avanti nel turbine di domande quotidiane. Sono proprio queste domande ad affollare, in una torrida estate, le esistenze già caotiche di Karole e Ali, due ragazze che si amano. Vivono in una piccola casa arrangiata a B&B che condividono con imprevedibili turisti e con l’ingombrante ex fidanzato di Ali, Andrea. Le ragazze ancora non sanno che all’entusiasmo del primo tentativo seguiranno molte peripezie. Ma quando il desiderio si fa più grande del dolore e della fatica, i miracoli possono accadere.

Mamma + Mamma sarà distribuito nelle sale a partire dal 14 febbraio. La durata è di 81 minuti.


Tutti i film lgbt+ agli oscar 2019

Tra un mese esatto verranno assegnati i tanto attesi Oscar 2019, come avviene ogni anno, da una giuria composta da ottomila esperti del settore. Nel frattempo sono state annunciate le nomination per ogni categoria che, come di consueto, hanno destato polemiche ma anche parecchie sorprese. Per la prima volta nella storia degli Oscar i film a tema LGBT+ hanno sbaragliato la concorrenza, oscurando quasi completamente storie d’amore eterosessuali e le quote rosa.
Questo non toglie che l’Academy stia recependo il messaggio di inclusione che le comunità LGBT+ di tutto il mondo stanno promuovendo anche attraverso la cinepresa.

Quest’anno a fare la voce grossa è La favorita, un ménage a trois tutto al femminile del greco Yorgos Lanthimos, con 10 candidature, e Vice, con 8, che racconta la scelta complicata di Dick Cheney, vice di Bush, di sostenere l’ormai ex presidente degli Stati Uniti nell’emendamento costituzionale che vieta i matrimonio tra persone dello stesso sesso nonostante sua figlia sia lesbica. Una menzione speciale merita A star is born, il film diretto e recitato da Bradley Cooper, che non racconta una storia gay ma che vede come protagonista Lady Gaga, dichiaratamente bisessuale, nei panni di una cantante alle prime armi che si esibisce in un night club insieme alle sue amiche Drag Queen, tra cui Shangela e Willem di Rupaul’s Drag Race.

Delude invece Bohemian Rhapsody, biopic sui primi quindici anni di carriera dei Queen e di Freddie Mercury, che in Italia ha raggiunto numeri da capogiro diventando il film più visto del 2018 e il quinto come miglior incasso negli ultimi dieci anni, ma che ottiene solo 5 candidature.

Tra gli altri film LGBT+ candidati vanno menzionati Green Book, con 5 nomination, Copia originale, con 3 nomination, e il cortometraggio Marguerite che racconta la storia di una donna anziana e la sua infermiera che sviluppano un’intensa amicizia capace di portare alla luce il desiderio omosessuale fino ad allora represso.

Ecco tutti i candidati LGBT+

La Favorita: 10 nomination
A Star is Born: 8 nomination
Vice: 8 nomination
Green Book: 5 nomination
Bohemian Rhapsody: 5 nomination
Copia Originale: 3 nomination
Marguerite: 1 nomination

Roma Zeta Festival è nella community partners del Mix di Milano

Siamo felici di comunicare che siamo nella community partnes del Festival Mix Milano di Cinema Gay, Lesbico e Queer Culture.

La manifestazione si terrà dal 21 al 24 giugno 2018 nel capoluogo lombardo al Piccolo Teatro Strehler e da quest’anno anche al Piccolo Teatro Studio Melato. Tutte le informazioni le troverete sul sito della kermesse cliccando qui.

Acquistando la tessera MIX sostieni il Festival e hai la possibilità di vedere più di 50 film, performance e presentazioni esclusive a partire da 10€. ➡️ https://goo.gl/JYQT8X

Dal 21 al 24 giugno il tesseramento sarà disponibile solo al Piccolo Teatro di Milano al costo di 15€ per ogni singola iscrizione.
#chiamadavverocondivide

Diventa parte della MIX FAMILY! #MoreLove

Buona visione da tutto lo staff del Roma Zeta Festival

#FabbricaZeta • Al pigneto con l’Hacker Porn Film Festival

Il Roma Zeta Festival è lieto di annunciare che sostiene e supporta come partner culturale l’Hacker Porn Film Festival. La rassegna, arrivata alla sua seconda edizione, si svolgerà dal 24 al 30 aprile 2018 nei Circoli Arci Sparwasser e Trenta formiche.

L’HPFF è la prima kermesse romana che vuole dare valore e visibilità alle produzioni indipendenti che hanno come oggetto di ricerca il corpo, la sessualità e la transizione tra i generi, con l’obiettivo di scardinare i codici linguistici del porno. Per questo siamo contenti di

Tutta la programmazione potete consultarla qui e per maggiori informazioni qui. Buona visione a tutti e tutte! Ci vediamo all’Hacker!

 

 

Essiate Favolose!

Da oggi siamo in viaggio verso il Roma Zeta Festival: un luogo di cinema e cultura legate alla comunità lgbti+.

Un luogo dove le arti si possono incontrare e dialogare tra di loro. Uno spazio fatto per avvicinare il grande pubblico ai temi della sessualità, delle diversità, al corpo e ai generi.

Inoltre, nel secolo delle iperconnessioni, vogliamo ragionare su come cambierà il rapporto delle persone e della società con la sessualità attraverso la tecnologia.

La memoria è alla base delle nostre conoscienze ed è un punto da cui partire per costruire il futuro della nostra società. Tutto questo non chiusi dentro a delle biblioteche ma attraverso le scuole, nelle università e nelle piazze.

In conclusione, la nostra visione è quella di provare a immaginarci nuove vie di avanzamento, nuove pratiche e nuove intuizioni.